Abiti riciclabili

Abiti riciclabili per un futuro sostenibile

Anche la moda scende in campo per un futuro sostenibile proponendo abiti riciclabili. Quindi, aziende, imprenditori e designer, sono tutti sempre più impegnati alla creazione di linee di moda sensibili all’impatto ambientale.

Un percorso che porta verso una continua scoperta di nuovi prodotti e materiali eco sostenibili ed eco compatibili. Una tendenza che ha visto una delle più importanti esemplificazioni proprio nella recente Expo tenutasi a Milano dal titolo “Nutrire il pianeta, energia per la vita”.

 

Il percorso della moda verso abiti ad impatto zero

Grazie, quindi, ad una maggior sensibilità ambientale, anche nella moda si respira una aria nuova e frizzante. Tutto ciò ha concesso la creazione di abiti realizzati con tessuti e fibre mai prima utilizzate.

In virtù delle innovative prospettive scientifiche ed ambientali, si è reso possibile una consapevole filosofia dell’utilizzo delle materie naturali. Oggi, al servizio della moda, infatti, troviamo birre, vini, alghe, ma anche ortica, banane, ananas, aranci e non solo.

Dai cosiddetti scarti alimentari, dunque, l’intero comparto dell’industria tessile, può trarre una infinita risorsa ove attingere per concretizzare uno sviluppo sostenibile. In pratica, ha la possibilità di sviluppare supporti innovativi che sono in grado di soddisfare tanto quelle che sole le esigenze della moda quanto la sostenibilità a rischio della Terra.

 

flower skirts
Fonte dell’immagine: Pinterest.com

Il nostro contributo per un futuro sostenibile

Ognuno di noi può fattivamente contribuire a salvaguardare il benessere del pianeta. Non per nulla, una maggiore attenzione per ridurre l’impatto ambientale verte anche gli abiti che siamo soliti indossare.

Che si sia donna o uomo oppure bambino o bambina, in ogni famiglia vi sono scarpe, vestiti, biancheria che, seppure usurati, possono essere riciclati. Un atteggiamento che ha effetti positivi per l’ambiente ma che è anche in grado di portare grandi vantaggi economici e sociali.

Nel proprio guardaroba si nascondono tesori che neppure immaginiamo e che sono pronti a vivere una seconda vita. Cravatte che consideriamo oggi poco eleganti, scarpe fuori moda, jeans che sono diventati troppo stretti, maglioni bucati o lisi, vestiti vecchi.

Ogni cosa può essere riciclata, quindi, anche biancheria e vestiti possono diventare nuovi elementi.

In sostanza la nuova parola d’ordine deve essere riutilizzare tutto e non sprecare nulla, il modo migliore per coniugare ecologia e solidarietà.

recycled fashion
Fonte dell’immagine: Pinterest.com

 

Vestiti riciclati in modi diversi per salvare l’ambiente

I vestiti riciclati possono essere, quindi, trasformati in materia prima e, ad esempio, trovare una seconda vita come materiale destinato all’isolamento acustico e termico di un edificio.

Pertanto i vestiti riciclati costituiscono un materiale ecologico, economico e durevole, divenendo l’ispirazione alla base di un modello di produzione circolare.

È il minimo che possiamo fare. Infatti, in questo modo, favoriremo il processo di riciclaggio dei prodotti di scarto, oltre che consentire di poter risparmiare le preziose materie prime.

Altro nostro personale contributo che possiamo fornire per salvare l’ambiente è quello di acquistare capi di moda sostenibili, linee che creano tramite cotone riciclato e tessuto biologico fantastiche magie. Inoltre, possiamo anche dare libero sfogo al personale estro utilizzando i vecchi maglioni per creare dei cappelli e delle sciarpe da utilizzare durante la stagione fredda. Ma anche fantasie e stoffe possono trovare una seconda vita per inventarsi toppe o colorate tasche per contenere il nostro cellulare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *